Liscia, gassata, Ferrandelle

(via Marina Ambrosino)
Mercoledì 20 maggio, dalle 16,00 alle 17,00 una nuova puntata di Notecologiche, programma “verde” di Marianna Sansone su Radio F2, la radio dell’Università Federico II di Napoli.
La puntata sarà dedicata all’ultimo degli scandali legati alla gestione dei rifiuti in Campania, in seguito ad una denuncia di Del Giudice (noto anche per essere il volto del documentario di denuncia del disastro ambientale campano “biutiful cauntri”) in merito alla scandalosa condotta dello Stato nei confronti dei cittadini campani: in località Ferrandelle.
qui sotto trovate il maninesto della trasmissione e il testo di presentazione Continua a leggere

Annunci

E’ libera questa informazione?


Una accorata lettera di Elena Vellusi ai protagonisti di “annozero” ci spinge a porgerci questa terribile domanda…
Caro Santoro, cara redazione di Annozero,
come vedete, i nostri timori che alla fine la puntata di giovedì scorso potesse avere, ancora una volta, un taglio non solo inceneritorista, ma di più, mistificatore nei confronti dell’intricata vicenda dell’inceneritore di Acerra, si sono puntualmente rivelati fondati. Continua a leggere

Inceneritori: la verità su Acerra

foto di christian peter

foto di christian peter

Segnaliamo un articolo apparso su Peacelink ricco di riferimenti e note bibliografiche per cui chi vuole può verificare la fondatezza di quanto esposto:

Acerra: “Lo stato è tornato”, a completare l’opera della camorra. Quanto è avvenuto nei giorni scorsi, con la farsesca inaugurazione dell’inceneritore di Acerra, rappresenta l’emblema del disfacimento totale delle istituzioni, della caduta di qualsiasi forma di rappresentatività democratica che tenga in debito conto le istanze dei cittadini; dell’anti-stato che devasta l’ambiente e si fa beffe della vita dei propri cittadini, accanendosi contro di loro con cinismo e sopraffazione inauditi.

9 aprile 2009 – Vittorio Moccia continua la lettura…

comunicato dei medici per l’ambiente

Pubblichiamo anche se con ritardo il comunicato stampa dei medici per l’ambiente.
Che dire? Non ho parole!!!

*Comunicato stampa*
In relazione alla ormai imminente inaugurazione dell’inceneritore di acerra, opportunamente costruito in una terra declarata disastrata da diossina, i sottoscritti “medici per l’ambiente” colgono l’occasione per fare i piu’ sentiti auguri e raccomandare a tutti i santi in paradiso la popolazione di Acerra, Napoli e Caserta che sarà oggetto sia delle emissioni in atmosfera di una numerosissima serie di inquinanti (molto piu’delle sole diossine “filtrate”) ad altissima pericolosita’ per le piu’ gravi patologie croniche, ma che rimarra’ in ogni caso esposta al danno di pericolosissime e tossiche ceneri che saranno opportunamente interrate nelle terre gia’ disastrate da decenni di sversamenti tossici e nocivi. Continua a leggere

Inceneritore si – inceneritore no

Marina ci segnala questo post su un interessante dibattito sulla questione degli inceneritori.

Martedì 7 ottobre l’Osservatorio bresciano per la difesa dello stato di diritto ci ha dato l’opportunità di assistere ad un confronto veramente interessante dal titolo: “Termovalorizzatori o trattamenti senza incenerimento?”. continua la lettura e guarda i video del dibattito

La STORIA si ripete a RIciclo continuo

Questo articolo di Antonio Marfella apparso su Lavocedimegaride mi è stato segnalato da Ambro. Mi è sembrato troppo importante per metterlo in coda al post precedente (5° inceneritore) per cui ho preferito fare un nuovo articolo:

«Il quinto inceneritore si farà. Perché non si possono impiegare anni e anni a bruciare qualcosa come 7, 8 o 10 milioni di ecoballe. E si farà anche perché potrebbe dare una mano ai problemi di crisi rifiuti denunciati dalle regioni confinanti». – È il premier Berlusconi a confermare, di sua iniziativa – a margine di un Consiglio dei ministri “napoletano” . Continua a leggere

5° inceneritore: ditemichenonevero

Ho letto e riletto l’articolo di Repubblica qui sotto riportato e non mi sembra vero: il “grande presidente” afferma che il 5° inceneritore serve a «un aiuto per le regioni confinanti».
Ma non eravamo noi la regione con problemi di rifiuti?
Qua se non facciamo attenzione e ci mobilitiamo in massa ci fanno veramente diventare la pattumiera di Europa. L’importante sarà essere in moltissimi altrimenti con le leggi militari avranno gioco facile… E arrivato il momento di partecipare compatti!!! Continua a leggere

Medici contro gli inceneritori

caro Peppino,
Questo messaggio dell’oncologa Gentilini è molto importante e merita la diffusione su Procidaniuse.
Marina Ambrosino

COMUNICATO
Come medici, che hanno ben presente ciò che recita la legge istitutiva del SSN (art. 2, il SSN ha tra gli obiettivi …” la formazione di una moderna coscienza sanitaria sulla base di un’adeguata educazione sanitaria del cittadino e delle comunità; … Continua a leggere

Appello per la Campania

Vi invito a leggere attentamente l’appello del famoso oncologo Antonio Marfella da anni in prima fila nella lotta agli inceneritori: Marfella spiega chiaramente, dati alla mano, quali sono le logiche che stanno dietro la costruzione dei megainceneritori in Campania.
Qua trovate l’appello in formato pdf
Se dopo la lettura vi sentite indignati quanto me, stampate il documento e raccogliete firme tra tutti i vostri conoscenti.
Contattateci e troveremo il modo di farle pervenire a Marfella stesso.

rifiuti e inceneritori

A chi ancora crede che la “termovalorizzazione” sia una idea geniale  e non una trovata antieconomica e (sopratutto) rischiosa, propongo di guardarsi con un pò di pazienza queste slide prodotte da un cittadino di Brescia…
(se non visualizzate direttamente lo slideshow cliccate su “view” in basso)