Rottamiamo questa politica

(Un po di tempo fa, in tempi non sospetti, insieme ad altri oppositori dell’attuale amministrazione, fantasticammo , su queste pagine, della possibilità di inserire una serie di paletti per moralizzare la pubblica amministrazione. Ora arriva questo articolo di Paolo De Gregorio che va nella stessa direzione…) Etica sociale, onestà, capacità organizzativa dovrebbero essere un tutt’uno.
Se laicamente considerassimo la politica una attività lavorativa molto delicata e impegnativa, dove si decide la destinazione di grandi somme di denaro, e dove etica sociale, onestà, capacità organizzativa dovrebbero essere un tutt’uno, forse dovremmo imporre alla politica delle regole, che peraltro si pretendono per posti di lavoro infinitamente meno impegnativi.

– Una fedina penale pulita dovrebbe essere la principale pre-condizione.

– Almeno 3 anni di attività di volontariato (non a tempo pieno, non onlus) nel territorio in cui si abita, che dimostri disponibilità verso gli altri, conoscenza del territorio e dei suoi problemi, rapporti con le persone, intesi come un tirocinio indispensabile di formazione e di garanzia per i cittadini di non votare per sconosciuti, per miliardari o per Cetto La Qualunque.

– Accettazione del principio che non si può ricoprire una carica (di sindaco o deputato o senatore o governatore regionale) per più di due legislature, poiché la politica deve essere un servizio temporaneo e non una professione. La lunga permanenza al potere produce cricche inamovibili che bloccano ogni accesso dei giovani e delle persone perbene.

– Il reddito per l’attività politica non deve mai superare il reddito di un funzionario statale di medio livello. Va abolito il vitalizio pensionistico, sostituito dalla regola che durante i mandati parlamentari o amministrativi vengono versati i contributi che normalmente l’eletto versava nella sua attività lavorativa.

– Nessun limite deve essere imposto alla magistratura per indagare sui politici, perché è interesse precipuo del “popolo sovrano” avere politici onesti e l’unica vera garanzia è una magistratura inflessibile contro chi ruba, contro chi è in conflitto di interessi, contro chi sperpera denaro pubblico.

Ascoltiamo spesso le cantilene sulla corruzione nella politica, tutti sono indignati, ma guarda caso nessuno propone nulla di credibile e di attuabile, meno che mai i preti che sono pronti a parlare chiaro solo quando si tratta di impedire provvedimenti a favore delle coppie di fatto, contro gli omosessuali, contro il testamento biologico.

Teniamo ben presente che queste elementari regole di salute pubblica possono essere imposte solo a furor di popolo poiché partiti, sindacati, Casta, Vaticano, si guardano bene da invocarle. La politica oggi vive di ricatti incrociati dove essere persona ricattabile significa essere elemento affidabile e ogni persona onesta e seria automaticamente viene espulsa dall’ambiente.

Chiunque chiede che si esca da questo marciume viene etichettato quale aderente alla antipolitica, mentre la domanda dei più è quella di rifondare e vivere la politica su altre basi, altre regole, altri valori, piena partecipazione, trasparenza, essenzialità, sobrietà.

La Casta politica è così potente e inamovibile (di destra e di sinistra) perché ha un forte potere economico che le deriva dal finanziamento pubblico dei partiti, gode di un altro grosso finanziamento ai giornali fiancheggiatori, è inamovibile poiché ha occupato la RAI, che da servizio pubblico è diventata “servizio ai partiti” dove si buttano fuori le persone scomode, senza che ciò venga considerato uno scandalo.

– Finanziamento pubblico dei partiti, finanziamento alla stampa devono essere aboliti. La Rai deve essere liberata dai partiti, senza pubblicità, con i cittadini che pagano il canone e votano per un presidente con tutti i poteri tra personalità indipendenti da partiti, potentati economici, religione, per offrire ai cittadini un contrappeso al soffocante monopolio di media privati e invadenza partitica.

Senza queste conquiste non ci sarà mai democrazia né progresso sociale.

Annunci

7 pensieri su “Rottamiamo questa politica

  1. Be buonissime idee quelle di di gregorio che non fanno altro che riprendere quelle che da tempo vengono portate avanti dal movimeto 5 stelle. La sveglia sta arrivando per tutti …meglio tardiche mai.

  2. Pare che bellusconi abbia DEFINITO la Cancelliera Tedesca Ange la Merkel una ARSCH ZU SCHLIEBEN-mi scusino i tedeschi se mortifico la loro lingua- notizia che è circolata anche sulla stampa
    tedesca.Immagino che come sia stata contenta ieri la ARSCH ZU
    SCHLIEBEN di incontrare THE VIECCHIE ITALIAN STALLION bellusconi.La cosa che piu mi irrita è che il mio destino è legato
    PER FORZA a questa gente.
    Mah

  3. BRUXELLES – Continua il pressing forsennato sull’Italia da parte dell’Europa in ogni suo forma politica e istituzionale. Ieri è stata la volta del cancelliere tedesco, Angela Merkel, prendere di mira l’Italia affermando che il mercato domanda alti tassi di interesse sui titoli italiani perché il livello del nostro debito è «visto molto criticamente».
    Il cancelliere ha chiesto all’Italia di ridurre il debito, senza se e senza ma, perché la «soluzione della crisi in Europa emergerà solo se i Paesi taglieranno il debito e vivranno secondo i propri mezzi». Parole dure e senza possibilità di fraintendimenti verso un Paese fondatore dell’Unione.

  4. Risatine e sguardi di intesa tra la Merkel e Sarkozy nel corso della conferenza stampa congiunta al termine della sessione a 27 del vertice europeo. Stamattina Berlusconi aveva risposto, trionfante, ai giornalisti che gli chiedevano se l’Italia avrebbe l’esame al vertice europeo che si è aperto a Bruxelles : “”Ma che domande fate? Io non sono mai stato bocciato nella vita”. Quando invece una giornalista chiede alla Merkel e a Sarkozy “Siete stati rassicurati da Berlusconi?”, Nicolas Sarkozy tace un attimo, fa una smorfia, guarda la Merkel e sorridono.

  5. C’era pure un video sul REVISIONISMO peccato che non sia stato
    pubblicato era veramente interessante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...