Marittimi sequestrati: lettera aperta al Presidente Napolitano

Signor presidente,
sono un procidano, concittadino di due dei marittimi della Savina Caylyn la nave italiana in mano ai pirati Somali da sei mesi.
Mi rivolgo a Lei perché è l’unico che per funzione istituzionale e per carattere è al di sopra delle parti e dei giochi politici ed economici
Voglio ringraziarla per l’interesse mostrato per la nostra vicenda in questi mesi ma purtroppo, mi permetta la sfrontatezza, non basta.
Signor presidente, mi rendo conto che Lei è sempre impegnatissimo e che le vicende politiche La tengono costantemente sotto pressione ma, La prego, prima di essere costretto a presenziare l’ennesimo funerale di stato, prima di ritrovarci tutti dietro una bara – perchè se continua cosi il morto ci scappa sicuro – faccia una cosa e la faccia lei personalmente: prenda per le orecchie gli armatori e li forzi a pagare questo maledetto riscatto.
Lei mi chiederà: e se gli armatori non hanno i soldi?
Signor presidente a Lei non possono mentire, Lei ha tutti i mezzi per accertare la reale consistenza delle loro possibilità e poi se così fosse almeno sapremmo quanto manca per realizzare la cifra richiesta dai pirati.
E non mi dica che l’Italia, questa grande nazione, non riesce a metter insieme qualche milione per riscattare 23 persone (di cui 5 italiani e 17 indiani spesso dimenticati e da nessuno rivendicati) che hanno l’unica colpa di guadagnarsi il pane con un lavoro duro e pericoloso.
Ho letto che è in atto un gioco al ribasso tra armatore e pirati: non permetta che questo si faccia sulla pelle dei nostri uomini cosi come non lo permetterebbe se si trattasse dei suoi familiari.
Presidente Napolitano, faccia pressione su questi “signori” per cui l’interesse economico viene prima della vita dei nostri cari.
Scongiuri questa tragedia annunciata.
Lei può farlo!

Annunci

11 pensieri su “Marittimi sequestrati: lettera aperta al Presidente Napolitano

  1. Le président de la République a d’emblée placé la France en première ligne d’un conflit pourtant parsemé d’incertitudes.

    «Ça, c’est fait.» Même si la bataille de Tripoli n’était pas encore terminée, lundi, on imagine aisément Nicolas Sarkozy rayant, enfin, le conflit libyen d’un agenda surchargé. Au sortir d’un été dominé par le séisme boursier, avant d’affronter l’épreuve sociale de la rentrée et le marathon élyséen, le chef de l’État, toujours à la peine dans les sondages, ne peut que se féliciter de la chute du régime de Mouammar Kadhafi . Le débat au Parlement sur la Libye, le 12 juillet, a donné le ton des risques politiques d’un conflit au cas où il s’éterniserait: spectre de l’enlisement, poids financier de l’engagement militaire (environ 200 millions d’euros)

    Tout l’été, le président de la République est resté sur la brèche. Depuis lundi, il a décroché à plusieurs reprises son téléphone pour parler à ses homologues. Dès le début du conflit, en mars, le principe a été de jouer collectif et d’éviter l’affrontement Occident-monde arabe. Il n’empêche que la France, deuxième contributeur de forces derrière les États-Unis, a participé à 35% des frappes offensives. Certes, le tandem franco-britannique a joué un rôle clé, mais Paris a été aux avant-postes. À l’aune de la détermination présidentielle, la Libye aura largement été la guerre de Nicolas Sarkozy. Il l’a réaffirmé, de bout en bout, en maintenant le cap et en répétant, comme il l’a fait le 13 août à Toulon, que «la France ne faiblira pas en Libye».

  2. Alcuni tra i nomi più in vista del mondo dell’impresa e dell’economia francese hanno lanciato un manifesto che propone una sorta di auto-tassazione eccezionale per contrastare la crisi.

    A dare la notizia il sito del Nouvel Observateur, che in anteprima riporta alcuni stralci del “manifesto” che vede tra i firmatari personaggi del calibro di Jean-Paul Agon, amministratore delegato di L’Oréal, Antoine Frérot, ad di Veolia Environnement, Christophe de Margerie, omologo della Total. E ancora Frédéric Oudéa, ad di Société générale , Franck Riboud omologo della Danone, Stéphane Richard ad di Orange e Jean-Cyril Spinetta, presidente di Air France-KLM.

    “Noi presidenti o dirigenti di impresa, uomini e donne d’affari, professionisti o cittadini fortunati, auspichiamo l’istituzione di un contributo eccezionale che tocchi i contribuenti francesi più privilegiati” si legge nel documento. Il contributo, riporta il Nouvel Observateur, “sarà calcolato in proporzioni ragionevoli” e avrà come obiettivo quello di “scongiurare effetti economici indesiderabili, come la fuga di capitali o l’aumento dell’evasione fiscale”.

    Una proposta che i firmatari motivano dicendosi “coscienti di aver pienamente beneficiato del modello francese e di uno sviluppo europeo” che ora “vogliamo contribuire a preservare”.

  3. @ lorenzo
    ti è sfuggito che il primo a lanciare questa proposta è stato l’italiano Montezemolo subito copiato dai colleghi d’oltralpe ma, si sa, quando si parla di francia tu sei strabico.

  4. OOOOOOOOHHHHH il grande capo in persona.Cosa ti ha risposto
    il tuo presidente della repubblica!!!!! Ha capito che ci sono dei cit
    tadini taliani in mano ai pirati!!!!AAAHHH montezemolo,bhe leggia
    mo assieme i giornali.Io ho capito questo.Quando il gorveno taliano
    ha partorito il CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA’ da 90.000 euro in
    su pare che il montezemolo si sia incazzato come un pazzo.Si è in
    cazzato perche se la legge viene approvata cosi com’e’ strutturata lui deve cacciare 700.000 euro all’anno in piu.
    Quindi cosa ha fatto, ha proposto di far partire il prelievo da capitali piu elevati di quello che lui percepisce
    in un anno per tirarsi fuori dalla TASSAZIONE .COSA TIPICA MENTE TALIANA POTETE METTERCI I BREVETTO SOPRA.Dal
    l’articolo che ho riportato SCRITTO DA UN GIORNALISTA TALIANO
    E NON DA ME,si evince che gli IMPRENDITORI FRANCESI si SO NO OFFERTI VOLONTARI DI AUTOTASSARSI DI UNA PERCENTU
    ALE MAGGIORE PER COMPENSARE EVENTUALI DEFEZIONI
    nel raggiungimento degli obbiettivi che LA FRANCE si è propo
    sta.Dunque si SONO PROPOSTI e non sono stati tirati in bal
    lo dal montezemolo di turno che con tutto quello che guada
    gna cerca di tirarsi fuori.C’E’ UNA BELLA DIFFERENZA!!!!!!L’ unica INIZIATIVA TALIANA PATRIOTTICA
    è apparsa su MILANO FINANZA che cerca di raggruppa-
    re imprenditori,professinisti,ecc ecc taliani perche acquistino i
    titoli di stato taliani di nuova emissione-in quanto la BCE in quel
    caso non puo intervenire per acquistarli- per evitare che le aste
    vadano in affano e che per piazzare i titoli l’italia debba pagare
    un tasso di interesse maggiore.C’è un bell’articolo patriottico
    per stimolare le adesioni fisso in prima pagina.Mi dispiace delu
    derti ma IO NON SONO DI PARTE sono MARSIGLIESE.

  5. Montezemolo da qualche anno il presidente di telethon oltre
    ad essere il presidente della ferrari spa dal 91 mi pare.I componenti del
    team ferrari che l’anno scorso con una SCELTA ERRATA hanno
    fatto perdere il titolo alla ferrari sono stati tutti immediatamente
    cacciati dal montezemolo.Perche non usa lo stesso TRATTAMEN TO nei confronti dei ricercatori che da VENTI ANNI dico VENTI si
    magnano i soldi di telethon e se ne sono magnati tanti e non
    concludono NIENTE.Forse telethon è un ente di beneficenza per
    ricercatori imbranati????????????HO SCRITTO CENTINAIA DI E-
    MAIL al montezemolo ai suoi vari indirizzi di posta elettronica che
    ho trovato su internet e gli scrivero’anche stasera visto che sono ispirato.

  6. Emma Marcegaglia dice no a una tassazione come quella a cui vogliono sottoporsi ricchi manager e imprenditori francesi: ‘Da noi servirebbe soltanto a far pagare di piu’ chi le tasse le paga gia’ con un prelievo che sfiora il 50%’. Lo sciopero generale indetto dalla Cgil per il 6 settembre verrà articolato in “cento manifestazioni territoriali”, dopo aver costruito un percorso “interloquendo con tutti quelli che pensano che il bene del Paese sia in discussione”, ha aggiunto Camusso.
    Tratto da WALL STREET ITALIA, non te lo riporto tutto, è un po
    noioso.Hai capito la marcegaglia,sottolineo ancora una volta
    VOGLIONO SOTTOPORSI RICCHI MANAGER E IMPRENDITORI
    FRANCESI.Vi vedo un po in affanno con l’affaire Libia,credo che
    i ribelli a Gheddafi non DIMENTICHERANNO chi per primo li ha rice
    vuti in pompa magna all’ELISEO è li ha protetti con i propri aerei
    sparando sulle truppe del rais mentre i taliani facevano SOLO voli di RICOGNIZIONE a volte anche con aerei senza armamento.

  7. …non mi stanchero’ mai di proporre una specie di azionariato popolare per dare un segno, per provare ad uscire da una situazione a dir poco imbarazzante…ci vogliono I FATTI ADESSO, altrimenti sara’ tardi… e mi auguro di sbagliare!
    salut

  8. Cercare aiuto in Napolitano (napolitano si scrive con la N maiuscola. pc) credo che sia inutile,gia’ gli insegnanti
    si sono rivolti a lui per farsi difendere dalla gelmini e hanno fatto capa e muro.
    Non è la persona adatta a svolgere il ruolo che gli è stato affidato.Basta vedere come si sbattono pannella e la bonino che
    pur non avendo nessun potere cercano di sistemare ASSASSINI e DELINQUENTAGIA VARIA in alberghi A DIECI STELLE.Anche se
    non condivido i loro obiettivi ammiro la loro combattivita che MANCA assolutamente a napolitano.
    La realta è che i nostri ragazzi sono stati ABBANDONATI dallo stato che non ha fatto assolutamente niente scaricando sull’armatore
    che a sua volta da questa storia non ci vuole accapizzare na cosa di sord.Io cercherei piu aiuto a livello di COMUNITA EUROPEA o
    qualche STATO EUROPEO che bazzica da sempre in Africa.

  9. Ministro Calderoli,
    ho letto sul Corriere della Sera le sue affermazioni circa le pensioni di reversibilità e le indennità d’accompagnamento e le sue parole oltre a indignarmi profondamente come cittadina italiana, mi inducono a pensare che la politica odierna è composta da persone che non conoscono la realtà del nostro Paese, non è sufficiente essere ministro di questa povera Repubblica per poter parlare e decidere della vita di tante persone, a tutto c’è un limite e ora è stato oltrepassato ampiamente.
    Lei, secondo quanto scritto nell’articolo, avrebbe detto che bisogna intervenire sulle pensioni e indennità riconosciute a chi non ha mai lavorato e versato contributi, come dire tagliare e individuare i possibili risparmi su reversibilità, indennità d’accompagnamento e pensioni d’inabilità.
    Le faccio notare (se fosse un ministro della Repubblica che avesse a cuore il benessere dei cittadini non ce ne sarebbe bisogno) che vi sono situazioni limite e sono tante, come quella che viviamo noi come “famiglia disabile” che non possono essere ignorate.
    Ho una figlia di 38 anni affetta da una patologia rara, la Sindrome di RETT, lei è medico, forse ne ha sentito parlare, è una patologia rara e devastante, mia figlia non svolge alcun movimento volontario, deve essere lavata, cambiata, imboccata, controllata 24 ore al dì, sorride, questo sì, e i suoi occhi lasciano trasparire la sua serenità, così come si adombrano quando sta male, questa è la nostra comunicazione. Non ho ripreso a lavorare per poterla accudire dignitosamente e amorevolmente e se è arrivata a 38 anni è stato proprio perché ho anteposto il sue benessere e la sua vita a qualsiasi altra cosa lavoro compreso, ho anche versato 5 anni di contributi che, se pur pochi, sono entrati a far parte della forza economica dell’INPS, ma a me non daranno alcun beneficio.
    Ero consapevole che avrei perso il diritto alla mia pensione personale, ma sapere che avrei avuto la possibilità, in caso di sopravvivenza a mio marito, alla pensione di reversibilità mi ha aiutata a optare per la scelta più ovvia per una madre, HO SCELTO MIA FIGLIA, la sua salute, il suo benessere.
    Ora volete togliere questo possibile beneficio, non solo a me, ma anche a mia figlia, perché se lei, così va l’ordine della vita, sopravviverà a suo padre, ne ha con le norme vigenti diritto. Di cosa vivrà se ridimensionerete gli importi? Della carità della gente? Costruirete una cittadella ai limiti dei centri abitati , li ghettizzerete in un solo luogo dove non daranno fastidio e non costeranno nulla? Tante piccoli lazzaretti urbani. Un bel passo avanti nella storia, proprio da andarne fieri.
    Mia figlia è una di quelle PERSONE che non hanno mai lavorato, perché la sua patologia non lo consente, quindi non ha versato contributi e percepisce l’indennità d’accompagnamento e la pensione, DOVEROSO riconoscimento di uno Stato civile (articolo 38 della Costituzione italiana) verso chi non è in grado a provvedere economicamente al proprio sostentamento e non certo per volontà propria. Volete per questo penalizzarla e penalizzarci come famiglia più di quanto già facciate quotidianamente?
    70 anni fa in un momento storico che speravamo superato venne messa in atto la più grande tragedia umana conosciuta, i primi a essere soppressi furono le persone con disabilità, ora non li eliminate nelle camere a gas, ma predisponete una lenta agonia, che porterà tragicamente alla fame tante famiglie e tante persone. Non si può fare cassa sulle persone più fragili e poi impegnare denaro pubblico in istituzioni inutili e costose, in stipendi vergognosi dei parlamentari, in ministeri di cui non si capisce l’utilità, a questo proposito quanto costa il ministero della semplificazione normativa? Di quale utilità è stato finora per il benessere comune? Qual è il suo scopo? E lei Calderoli perché deve prendere la pensione dopo solo 5 anni di legislatura? Diritti acquisiti o privilegi ingiusti?
    L’Italia è il mio Paese, sono orgogliosa di essere italiana, mi vergogno per la classe politica attuale, per le ingiustizie che riesce a creare, per le ormai chiare intenzioni, DISTRUGGERE LO STATO SOCIALE! Ma non lo permetteremo.

  10. Vedi come le mie osservazioni cominciano a circolare.Meglio tardi
    che mai.Stanno timidamente cominciando a circolare anche le mie
    terapie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...