Il cavallo di Troia

(trovo interessante questo articolo perché fa capire qualcosa di “economia” anche ai comuni mortali come me) Ancora non si e’ dissolto l’ odore acre dei lacrimogeni, ancora vibrano nell’ aria le urla strazianti della madre di una delle impiegate uccisa dal rogo appiccato alla banca ateniese dai manifestanti, inviperiti per i tagli “lacrime e sangue ” imposti ai Greci per ottenere l’aiuto della Comunita’ Europea e gia’ si tenta di cercare una spiegazione credibile all’ attacco speculativo senza precedenti fatto contro uno stato di per se poco significativo nell’ economia mondiale.
CAVALLO DI TROIA – E’ subito parso evidente a tutti che la Grecia sia stata utilizzata come , per l’appunto, un cavallo di Troia al fine di sferrare un feroce attacco nei confronti dell’euro. Per capire meglio cosa sia stato architettato dobbiamo fare riferimento ad una cena avvenuta al numero 100 del Park avenue winter, 63esima strada di Manhattan, New York dove erano presenti i principali gestori di hedge fund da George Soros (quello che speculando sulla sterlina nel 1992 guadagnò un miliardo di dollari e costrinse Londra a ritirarsi temporaneamente dallo Sme), John Paulson, Steven Cohen, David Einhorn e Donald Morgan…vai all’articolo di giornalettismo

Uno coi capelli bianchi

La Giovine Compagnia
presenta

Uno coi capelli bianchi

3 atti e 2 finali
di Eduardo De Filippo

Procida Hall
Venerdi 14 e Sabato 15 maggio ore 21
Domenica 16 maggio (2 spettacoli) ore 17.30 e ore 20.30

“Tante volte l’apparenza inganna… Un uomo che può sembrare serissimo, all’atto pratico è un buffoncello!”