Non venderti il voto, non venderti il futuro.

Caro procidano,
sei stato avvicinato da qualche losco figuro che ti ha offerto un telefonino, un giubbino o ancora più squallidamente dei soldi in cambio del tuo voto.
Lo so, credi che la politica sia una cosa sporca e vuoi fare pure tu il cinico, per cui non ti parlo di etica o di morale, ma fatti un po i conti!
Chi si offre di comprarti il voto non vuole certo farti un regalo, vuole andare nella stanza dei bottoni a fare i suoi interessi, vuole moltiplicare almeno per dieci i soldi che ti ha dato. Tu penserai che non è un tuo problema ed è qui che ti sbagli! Perchè per fare i suoi interessi, questo “signore” deve vendersi un’altro pezzo della Tua isola (compromettendo la qualità della vita, tua e dei tuoi cari) oppure farà ancora debiti che ricadranno su di te e sui tuoi figli, a meno che non vai via dall’Italia!
Se hai idee poco chiare sulla situazione politica puoi non andare a votare, almeno fai capire a chi si occupa di politica seriamente che si deve sforzare di più per farti capire e farti partecipare ma, ti prego, non venderti il futuro (tuo e dei tuoi) per una manciata di euro.
peppino capobianchi

10 pensieri su “Non venderti il voto, non venderti il futuro.

  1. “Se hai idee poco chiare sulla situazione politica puoi non andare a votare”. No!!! Come si potrebbe non avere le idee chiare dopo 15 anni di medesima impronta politica giusta o sbagliata che sia?? Non voglio essere giudice sociale di giovani che credono di massimizzare il loro tempo attraverso gli strumenti informatici utilizzando appllicazioni come facebook,messenger e chi più ne ha più ne metta. Voglio dire loro però che potrebbero rubare a “quel tempo” uno spicchio per concretizzare un loro diritto:l’ informazione!Informarsi per capire come stanno le cose,dove stanno andando,chi siamo noi cittadini,e se ricordiamo ancora di esserlo con il bagaglio di diritti-doveri che troppo spesso ci limitiamo a conservare acriticamente.Non voglio essere il fautore di propagande politiche,nè tanto meno indirizzare qualcuno verso una o altra preferenza politica.Dico solo che in un mondo dove doveri,scandali e crisi di svariata natura sociologica intimoroscono l’agire sociale c’è rimasta una cosa bellissima: IL DIRITTO DI SCEGLIERE! VOTATE,VOTATE,VOTATE! VOTATE!

  2. @Dario
    caro Dario come potrai capire il mio era sopratutto un invito a non vendersi. E’ evidente che sarebbe preferibile avere cittadini informati e attivi ma come ben sai la realtà è un po diversa.
    Per cui va bene l’invito a votare ma se si sa cosa votare e perchè. Il diritto di scegliere prevede anche la necessita di informarsi: se non sai di cosa si parla come fai a scegliere? Allora il mio era solo un invito a chi ha scelto di tenersi ai margini: se non vuoi saperne di politica almeno non ti far strumentalizzare per soldi dai peggiori tra i politici. Spero di essere stato chiaro 😉

  3. Vorrei far presente che la lista ******* ha avuto l’anatema ecclesiale da tutta la chiesa locale. Così nei comizi ******** affema nei confronti di alti prelati locali la loro non gratitudine per non essersi a loro inginocchiati. Definendo la Chiesa locale un covo di Comunisti ingrati

  4. Questo di pc1951

    è un testo molto capzioso e subdolo.
    Continua,come una telenovella,la propaganda di partito di pc 1951 a favore di Inseme x procida.

    Che cosa vuol far intendere pc. con il suo,che c’è ,forse,un gruppo politico che si compra i voti mentre il suo partito è puro e duro? Chi lo sà?

    Quello che è certo che questo blog è, purtroppo diventato,stampa e apologia di solo una parte politica.
    Invece di essere ,come dovrebbe essere, un blog pluralista e neutrale,è diventato,con mio sommo dispiacere, l’ufficio stampa e propaganda di Insieme x Procida.

    Che squallore!

  5. @geppino
    non so come dirtelo ma quello che tu pensi debba essere il mio blog è un TUO problema.
    sono sempre stato di parte ed ho sempre detto a chiare lettere che cosa non gradivo nel modo di amministrare degli attuali governanti in più non ho mai fatto mistero delle mie idee politiche. Per cui ti ripeto l’invito a farti un blog a tua misura
    p.c.
    p.s. in un altro blog non ti avrebbero lasciato passare la frase “che squallore” ma le parole definiscono sopratutto chi le dice 😉

  6. the winner costruisci un tuo blog e manifesta il tuo pensiero politico,vai a votare e manifesta il tuo pensiero politico,pensa e parla e manifesta il tuo pensiero politico a quel punto nessuno mai potrà dirti come e cosa pensare,come e cosa fare,come e cosa scrivere salvo ingiurie o altro contro il buon costume e la moralità pubblica. La libertà di pensiero-espressione è tutelata dalla costituzione nonchè dalla convenzione europea dei diritti dell’uomo. Nessuna norma corrente indica come condizione necessaria e sufficiente per la costituzione di un proprio blog il pluralismo all’interno di esso. Ciònonostante il moderatore del blog in parola non ha difatto censurato il tuo scritto nonostante di segno politico opposto,o sbaglio?Cogito ergo sum!

  7. Io penso comunque che bisognma sedare gli animi. Qui si stanno usando parole grosse.

  8. Siamo stati fin troppo “sedati” negli ultimi anni, è ora di lasciare i sedativi sul comodino, alzare la testa e far valere i nostri Diritti, in modo libero e consapevole, da Cittadini civili, non più da sudditi ossequiosi!!! Anch’io, come Dario… Cogito Ergo Sum!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...