Cittadini e sudditi

(Ho scritto questo articolo mesi fa per il foglio locale dei giovani PD ma penso che sia ahimè sempre valido per cui ve lo ripropongo)
Clientelismo, nepotismo, interesse privato in atto di ufficio, in una parola “la malamministrazione” non è ahimè una nostra esclusiva ma certamente nel nostro sud il fenomeno assume aspetti particolarmente virulenti e sfacciati. Qualcuno, conoscitore della nostra storia, sostiene che questi comportamenti fanno oramai parte del nostro DNA e che tutto sia iniziato intorno al 1200 con la conquista dei D’angiò. Da allora siamo sempre stati dominati da stranieri e la cosa non è terminata neanche con l’unità d’Italia visto l’atteggiamento dei Savoia e dei loro quadri piemontesi che qui a sud si sono comportati troppo spesso alla stregua di forze di occupazione Continua a leggere

Contro la privatizzazione dell’acqua

acqua_denaro

(da Lina dei Maia)
Carissimo,
forse sei a conoscenza di questo scellerato atto politico, privatizzare l’acqua pubblica,  se vuoi sostenere questa campagna clicca sul link, troverai le indicazioni per firmare online.
un abbraccio
lina

FIRMA L’APPELLO

CAMPAGNA NAZIONALE “SALVA L’ACQUA”

IL GOVERNO PRIVATIZZA L’ ACQUA !

Casamicciola: disastro naturale?

(Da Amato Lamberti) Non è normale che eventi naturali normali, come le piogge d’inverno, diventino occasioni di tragedie. I veri colpevoli sono gli abusi edilizi e gli appetiti dei divoratori dei territori.
La frana che a Casamicciola ha ucciso una ragazza, ferito più di trenta persone, trascinato a mare decine di auto, costretto trecento famiglie ad abbandonare le proprie abitazioni, ripropone ancora una volta la fragilità di un territorio devastato dal consumo scriteriato del suolo. Quarantotto ore di pioggia battente non possono in alcun modo essere una spiegazione o una giustificazione dell’evento disastroso.[…]La penisola sorrentina, le isole di Ischia, Capri e Procida, l’intera area flegrea sono zone ad elevato rischio idrogeologico eppure si continua a costruire e a sperare di costruire mettendo a rischio il già precario equilibrio di territori di tale valore paesaggistico, storico e archeologico da meritare misure di salvaguardia totale…vai all’articolo