Sul lodo Alfano

(da Cotroneo – L’Unità)
Ieri la Corte Costituzionale, dopo essersi riunita per decidere sul Lodo Alfano, ha rinviato la decisione a oggi. Quindi ormai i giornali parlano, usando una terminologia da vaticanisti, di fumata nera. Il termine di fumata nera è molto indicativo, e talvolta nelle piccole frasi si legge lo spirito di un’epoca, e il mondo in cui viviamo. La posta ingioco è altissima, infatti. E ha a che fare con i destini del paese.La Corte Costituzionale in questo momento ha in mano le sorti del Governo e della maggioranza. Se il Lodo Alfano verrà considerato non rispondente ai principi costituzionali, e dunque respinto, Silvio Berlusconi sarà nei fatti costretto a dimettersi, e immediatamente rinviato a giudizio…vai all’articolo

risate a denti stretti

(da Spinoza)
I giornalisti del Tg1 in rivolta contro il loro direttore. Come se Berlusconi non avesse già abbastanza problemi.

Il premier stronca la manifestazione: “È una farsa. I giornalisti sono sempre stati liberi di dire tutto quel che mi pare”.

“Il premier dev’essere superiore ai ministri”. Ora forse la gente capirà quanto è stato difficile formare il governo.

Lodo Mondadori, Fininvest condannata a risarcire 750 milioni a De Benedetti. La Repubblica resterà comunque in mano a Berlusconi.

Il premier: “Mi verrebbe da lasciare l’Italia. Ma sappiamo che è uno che non cede alle tentazioni.