Regno di Nettuno

Oggi mercoledì 5 agosto 2009 ha avuto luogo un incontro informale tra le associazioni di diportisti nautici e il direttore del parco “Il regno di Nettuno” Dott. R.M.Strada accompagnato dal vicesindaco di Procida Luigi Muro.
I due hanno illustrato il funzionamento dei permessi per i residenti. Ci sarà un distintivo, rilasciato ai residenti dietro il pagamento della somma di 10 euro all’anno, che permetterà l’ancoraggio nelle zone b e c del parco e un permesso di pesca, collegato alla barca, che costerà 10 euro all’anno per il titolare più 5 euro per ogni accompagnatore fino a un massimo di tre. Continua a leggere

Sol Levante e Sole Calante….

appunti di un marinaio
Giorni fa a Roma una coppia giapponese riceve un conto di quasi 700 eurozzi, dal ristorante Il Passetto.
Questa notizia ha avuto ovviamente un’imbarazzante eco in tutto il mondo… forse era incluso un pezzetto della Fontana di Trevi,  ovviamente niente di tutto questo.
La vicendaoccorsa ai due nipponici e’ stata prontamente denunciata alle autorita’.
La cosa che piu’ mi fa ridere e allo stesso tempo mi rattrista e’ come il nostro  ministro Brambilla abbia cercato di “apparare”, offrendo ai due malcapitati giapponesi un altro viaggio in Italia a spese dello Stato, cioe’ di tutti noi. Continua a leggere

Proibizionismo si, Proibizionismo no!

Per una volta non sono d’accordo con Cotroneo che nel suo articolo del 1 agosto giudica  grossomodo positivamente l’iniziativa del sindaco di Milano che costituisce a suo dire “un giro di vite, perlomeno simbolico” sull’uso dell’alcol da parte degli adolescenti.
Preoccupa moltissimo anche me che siano sempre più i ragazzi che fanno abuso di alcolici ma ho almeno due dubbi:

  • l’abuso di alcol da parte giovani sempre più giovani è il campanello di allarme di un disagio sociale. Si può risolvere l’emergenza staccando il campanello? Non vorrei fare il moralista ma non potrebbe essere che questi adolescenti sono un po troppo lasciati in balia di se stessi senza guide ne punti di riferimento?
  • il fascino del proibito è sempre stato grandissimo e non so quanti di quelli che hanno almeno provato uno spinello non l’abbiano fatto sotto questa spinta. Non c’è il rischio di ottenere l’effetto contrario?

Per carità non penso di avere in tasca la soluzione e forse il merito della Moratti è stato quello di mettere il problema sotto il riflettore. Ma purtroppo affrontare problemi così grandi con soluzioni così “semplici” a me puzza sempre di demagogia!