…e le stelle stanno a guardare

Nebulosa Anello (M57)

Nebulosa Anello (M57)

Una bellissima foto della Nebulosa Anello (M57) ripresa dallo Hubble Space Telescope della NASA. La nebulosa ha un diametro di 2 anni luce circa e dista dalla terra qualcosa come 2000 anni luce in direzione della costellazione della Lyra.
Dopo tutte le miserie che ci tocca vedere qui sul nostro povero pianeta, forse fa bene rivolgere lo sguardo un po verso il cielo.Qui trovate tutto l’articolo con molte bellissime foto dello spazio.

Annunci

Sanità: ditemichenonèvero

(da Tommaso Strudel)
ROMA – Il Consiglio dei ministri ha deciso il commissariamento del sistema sanitario in Campania e in Molise, affidandone la gestione ai presidenti delle rispettive regioni. È quanto si apprende in ambienti governativi.
GESTIONE – La gestione della sanità, secondo quanto riferito da fonti governative, dovrebbe essere successivamente affidata a «sub-commissari» esterni alle rispettive amministrazioni. Nel frattempo avranno competenza sulla sanità i governatori di Campania e Molise. Continua a leggere

La tassa sulla stupidità

superenalotto

Imperversa la febbre del Superenalotto, nota anche come “la tassa sulla stupidità umana”. L’ultima cifra che sono riuscito a trovare è di 35 miliardi di Euro spesi ogni anno (2005) dagli italiani per rincorrere il nonno apparso in sogno. Sono 35 miliardi sottratti dalle tasche di quegli italiani che meno si potrebbero permetterle di pagarli, in cambio di niente, perchè queste tasse sulla stupidità sono la più regressiva delle forme di fiscalità occulta, gravando proprio su coloro che meno si possono permettere di buttare via centinaia di Euro …continua la lettura

Pacco, doppio pacco, contropaccotto

telaragno

Nel romanzo di Stieg Larsson “Uomini che odiano le donne” il giornalista economico Mikael Blomkvist del giornale indipendente Millenium, viene incastrato da una falsa soffiata che Wennerstrom, l’uomo d’affari su cui Mikael sta indagando gli fa arrivare attraverso una finta talpa. Mikael viene condannato e tutta la storia (vera) su cui stava indagando viene “bruciata”
Sarò particolarmente paranoico ma alla luce di questa secca smentita sulle tombe fenicie da parte dell’interessato e del suo avvocato mi domando se non ci sia sotto un disegno simile e se il cavaliere, casomai con l’aiuto consenziente della sua escort (che non è la macchina), non abbia architettato uno sfondapiedi (trabocchetto)  in cui quelli dell’espresso sono caduti con tutt’e due i piedi.
Il progetto potrebbe essere quello di mettere insieme fatti veri con fatti palesemente impossibili per rendere non credibile tutta la storia, compresa la parte vera.
p.c.

Adesso ci si mette pure il Time!

(da R.Cotroneo l’Unità)
Sono molto perplesso riguardo all’articolo che da Roma Jeff Israely ha scritto per “Time” sullo scandalo Berlusconi- D’Addario. È un articolo che segna, ormai con un certo cinismo, la distanza che c’è tra un paese come l’Italia, e tutti gli altri paesi “normali” del mondo …()…Da questa storia di Berlusconi saremo noi a uscirne a pezzi, la credibilità dell’Italia, la serietà di questo paese, il suo senso delle istituzioni. Della credibilità di Berlusconi non ci importa niente. Ognuno è arbitro del suo destino. Ma della nostra invece sì. E non vorrei più leggere articoli come questo…vai all’articolo

Il vero problema dello scandalo B

(un estratto da Roberto Cotroneo – l’Unità)
Il punto non è che Berlusconi abbia una sua vita privata e sessuale, perché su questo lui ha poi buon gioco a dichiarare che “non è un santo” e che in “giro ci sono molte belle figliole”. Il punto è che un uomo del suo livello e con il suo ruolo non può in alcun modo lasciarsi ricattare, e addirittura registrare, da una escort presentatagli da un venditore di protesi sanitarie in quel di Bari, tra l’altro inquisito per traffico di droga….( )…Il problema non è cosa fa a letto, con quante e perché lo fa, Silvio Berlusconi, e neppure, paradosso, se l’avesse pagata come escort, visto che la legge punisce lo sfruttamento della prostituzione e al massimo multa i clienti. Il punto è che un capo del governo che fa entrare a casa sua un numero di donne incontrollato, delle quali non sa nulla, con registratori ed altro, che hanno deciso di ricattarlo in tutti i modi, mette in pericolo la sicurezza dello Stato…vai all’articolo

L’altra donna

(grande Massimo Gramellini da La stampa)
Come portavoce autonominato della Opposizione Estetica, mi permetto di esprimere tutto il mio sommesso disgusto per il prototipo di donna che emerge dagli scandali di queste settimane, che poi è la stessa donna che vediamo paparazzata nelle feste della Roma Cafona o issata sui troni di cartapesta di certi programmi televisivi. Bella di una bellezza vistosa e ritoccata. Vestita e truccata come la maschera di un trans. Aggressiva, sgangherata, ignorante…vai all’articolo

La crisi morale

Devo ringraziare Davide per il video sui fanghi versati in mare ad Ischia, postato qui da cui sono risalito all’ articolo di Massimo Gramellini su “la stampa” che vorrei aver scritto io, tanto sono d’accordo con la sua lucida analisi e che non posso fare a meno di pubblicare per intero:
Cosa spinge sessanta albergatori di un’isola incantata a svuotare le fogne direttamente in mare, davanti a una delle spiagge più belle, ammorbando la natura che dà loro lavoro e benessere? Nel gesto atroce e autolesionista degli inquinatori di Ischia si ritrova una sintesi dei tre fattori che rappresentano la fotografia della crisi morale italiana.
Il primo è l’ignoranza: si usa il mare da pattumiera come se fosse il pozzo dell’oblio e le onde avessero il potere di dissolvere l’immondizia o di trascinarla in un altrove che non ci riguarda e di cui non saremo noi a pagare le conseguenze.
Il secondo fattore è l’idea che ciò che appartiene a tutti in realtà non appartenga a nessuno
. L’Italia è il Paese dove i cessi privati sono splendenti come musei e i musei pubblici sporchi come cessi. Lo Stato non siamo mai noi, ma Loro, un’entità astratta e tendenzialmente nemica che ha il volto della politica e il solo scopo di portarci via i soldi attraverso multe e tasse.
Il terzo fattore, a mio avviso il più grave, è la morte del futuro. Ne parlo spesso, forse per esorcizzarla. Ma in quei sessanta albergatori che per risparmiare il costo di uno smaltimento corretto dei rifiuti accettano il rischio di inquinare i luoghi nei quali vivono e sulla cui bellezza campano, vedo la mentalità diffusa di chi considera domattina l’ultimo orizzonte immaginabile della propria vita. E pur di far quadrare i conti della settimana è disposto a pregiudicare quelli dei figli e dei nipoti.
p.s. la trasmissione (e l’articolo) sono del 9 Giugno 2009!!!

Incontro PD-Procida insieme

(Riceviamo da Giovanni Villani questo comunicato sull’incontro tra Partito Democratico di Procida e il Movimento politico “Procida Insieme” )
Comunicato
Il Partito Democratico di Procida, impegnato nel lavoro di preparazione delle prossime elezioni amministrative per assumere la guida del Comune dell’Isola e modificare l’attuale gestione che ha portato l’intera Comunità isolana sull’orlo del collasso economico e culturale, intende confrontarsi con tutte le forze politiche e sociali che vogliono assumersi la responsabilità di agire dando una svolta culturale e di governo alla gestione dell’isola. Continua a leggere