… e ancora a proposito di comunicazione

(sempre dal vigilissimo Zucconi…)
Ecco, per gli studenti della comunicazione di massa e aspiranti giornalisti televisivi, come si compone la scaletta del più importante organo di informazione in Italia, il TG1 delle ore 20:00, data 19 giugno, se si vuole conservare il posto e fare carriera. Verificare sul sito Rai, se non vi fidate. Questo è il giornalismo vincente oggi, quello ormai ribattezzato “zeru tituli” e “zeru notizie”: 1) Apertura con ampio stralcio del comizio elettorale di Berlusconi, alla vigilia del ballottaggio, a Cinisello, per respingere “la spazzatura” della sinistra; 2) Ricomizio dello stesso Berlusconi sotto forma di conferenza stampa a Bruxelles, per respingere “la spazzatura” della sinistra; 3) Breve dichiarazione di Franceschini per mettere la foglia di fico sulle pudenda altrimenti troppo esposte; continua la lettura…

Annunci

televisione e black out di notizie

Vorrei prendere spunto da questo articolo di Zucconi, sempre molto lucido, per parlare di informazione.
Penso che esistono due tecniche uguali e contrarie per fare disinformazione:

  • quella di nascondere e/o “sandwicciare” come propone Zucconi nei suoi esempi e
  • quella di sovraccaricare come proponevo io nei commenti all’articolo Attacco alla libertà di internet.

Evidentemente non è sempre facile trovare il giusto compromesso. Ma c’è una cosa più sottile di cui vorrei parlare ed è la necessità di ridurre lo spazio alle cazzate del Grande testa di ca..o. Continua a leggere

Adesso anche i pirati!

Ci riempiamo la bocca con la promozione turistica e ci dimentichiamo che il discorso è globale e riguarda la qualità della vita. Se ci sono situazioni degenerate da cattiva politica (vedi il caso mai completamente risolto della spazzatura) o sacche di povertà dove la camorra può attingere a piene mani aumenta sempre di più il pericolo di rassomigliare ai più malridotti dei paesi terzi e non ci dovremo poi meravigliare di fenomeni come questi! Immaginate come sono contenti in questo momento certi lumbard!
questa è la notizia: Continua a leggere