Inceneritori: la verità su Acerra

foto di christian peter

foto di christian peter

Segnaliamo un articolo apparso su Peacelink ricco di riferimenti e note bibliografiche per cui chi vuole può verificare la fondatezza di quanto esposto:

Acerra: “Lo stato è tornato”, a completare l’opera della camorra. Quanto è avvenuto nei giorni scorsi, con la farsesca inaugurazione dell’inceneritore di Acerra, rappresenta l’emblema del disfacimento totale delle istituzioni, della caduta di qualsiasi forma di rappresentatività democratica che tenga in debito conto le istanze dei cittadini; dell’anti-stato che devasta l’ambiente e si fa beffe della vita dei propri cittadini, accanendosi contro di loro con cinismo e sopraffazione inauditi.

9 aprile 2009 – Vittorio Moccia continua la lettura…

Annunci

2 pensieri su “Inceneritori: la verità su Acerra

  1. Pingback: Inceneritori: la verità su Acerra

  2. il guaio caro Peppino sono coloro che essendo ciechi non vogliono nemmeno sentire. C è un tale livello di disinformazione che oggi gli italiani credono che per loro sia arrivato il Messia. ad una mia risposta ad un tuo post precedente c’è stato qualcuno che ha risposto che per colpa di un campo Rom la sua casa di Trieste valeva un 20% in meno. Quanto valgono le case di Acerra, e quanto sono distante le stesse dalle nostre se le falde freatiche sotterranee non si sa quali percorsi fanno. Il fascismo di ieri il valore delle case lo ridusse a zero: crollate sotto i bombardamenti di una guerra sciagurata. Anche allora la maggior parte di italiani gridava ” Silvio – Silvio” e non tragga in inganno la formale differenza di slogan. Oggi la situazione è peggiore e sono la nostra vita , la nostra salute, i nostri più elementari diritti che si ridurranno a niente perchè c’è gente che mira solo a monetizzare ( ed a suo vamtaggio immediato ) qualsiasi cosa.
    E’ gente che non riesce nemmeno a capire che le principali questioni non sono monetizzabili, ed affidarsi a costoro che non hanno altro credo che il danaro, ritengo sia il peggio che si possa fare.
    ciao
    franco cerase

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...