La corruzione inconsapevole che affonda il Paese

Questo articolo andrebbe inciso in una lastra di marmo perchè fotografa in maniera impietosa la situazione del nostro sud (e quindi anche della nostra isola):
La cosa enormemente tragica che emerge in questi giorni è che nessuno dei coinvolti delle inchieste napoletane aveva la percezione dell’errore, tantomeno del crimine. Come dire ognuno degli imputati andava a dormire sereno. Perché, come si vede dalle carte processuali, gli accordi non si reggevano su mazzette, ma sul semplice scambio di favori: far assumere cognati, dare una mano con la carriera, trovare una casa più bella a un costo ragionevole. Gli imprenditori e i politici sanno benissimo che nulla si ottiene in cambio di nulla, che per creare consenso bisogna concedere favori, e questo lo sanno anche gli elettori che votano spesso per averli, quei favori.
continua la lettura su repubblica.it

p.s. vorrei aggiungere il finale di quest’articolo che ci tocca (noi procidani) da molto vicino:
Per quel che bisogna fare, forse non bastano nemmeno i politici, neppure (laddove esistessero) i migliori. In una fase di crisi come quella in cui ci troviamo, diviene compito di tutti esigere e promuovere un cambiamento.
Svegliarsi. Assumersi le proprie responsabilità. Fare pressione. È compito dei cittadini, degli elettori. Ognuno secondo la sua idea politica, ma secondo una richiesta sola: che si cominci a fare sul serio, già da domani.

Annunci

6 pensieri su “La corruzione inconsapevole che affonda il Paese

  1. Caro pc purtroppo è cosi, ma noi che sfortunatamente o per caso siamo gente del sud queste cose le sappiamo prima degli altri, per esempio io volevo vendere la macchina di un mio amico, lui si è opposto perkè la macchina è sua e che le mie teorie sono sbagliate, ma io ho applicato le teorie dei nostri amministratori, non hanno venduto il porto della marina grande che è nostro, ad altri? perchè nn posso vendere la macchina del mio amico?logicamente scherzo, ma è come scoprire l acqua calda,chi è in politica non ci va per gli altri ma per se stesso. Comunque approvo al 100%.Ciao

  2. Bravo Gigi, stavolta mi sei piaciuto, ma cosa pensi la prossima volta a ndremo a votare?

  3. Dobbiamo andare caro Franco, magari cercando di non sbagliare, ma dobbiamo andare. Certo non sarà facile scegliere ma forse è l’unico diritto che ancora non hanno venduto. Auguri di buon Natale

  4. caro Gigi permettimi di dire che non e’ necessario andare al voto per forza (personalemente non esercito piu il diritto/dovere di voto dal 1996) guarda i risultati delle elezioni in Abruzzo, il dato piu significativo (e il piu nascosto) e’ che il 50% degli aventi diritto non si e’ recato alle urne (ed erano le elezioni regionali)
    come dice Beppe Grillo se devo scegliere tra una m…. tiepida ed una m…. fredda, preferisco non scegliere.

  5. Ciao p.c. come sai apprezzo sempre i tuoi post, sopratutto quando inciti al cambiamento, però rendiamoci conto che finora non ha ancora preso corpo la figura di un persoggio che ispiri fiducia in questa direzione, che aspettiamo che alla fine ci troviamo a scegliere tra una m… fresca ed una secca, come ben dice Skycoan? Perciò sarebbe opportuno incominciare a fare dei nomi, per quel che mi riguarda al momento opterei per Strudel. Ciao a tutti e spero che incominciamo a muoverci in questa direzione, “tiriamo fuori nomi….”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...