la ranocchia

prendetevi il tempo per guardare queste diapositive e …meditate 😉

Annunci

20 pensieri su “la ranocchia

  1. p.c.

    Sono veramente contento di aver messo sul blog questo bellissimo racconto metaforico di O. Clere,a diapositive.
    E’ inutile dire che le riflessioni che ne potrebbero scaturire sono tantissime:me ne limiterò ad elencarle qualcuna.

    A primo acchito la storia della rana mi fa venire in mente,con una variante che poi spiegherò,MITRIDATE VI,re del ponto,che temento una cospirazione,su consiglio del suo medico,si somministrava un miscuglio di veleni, a piccole dosi,giornalmente, che lo avrebbero dovuto rendere immune, in un secondo momento,a qualsiasi veleno conosciuto allora.

    Il cosidetto progresso di questa società moderna,ha,si ,apportato molte innovazioni e benefici( vedi nella medicina,nelle macchine utensili, nel lavoro,nella comunicazione e in tanti altri campi)ma, d’altro canto, ha prodotto “disastri” enormi, che,propio come ci diceva il racconto, non riusciamo ad averne la piena scienza e coscienza.

    Nel segno di una concezione materialista della vita ci hanno indotto a credere,a poco alla volta,come la rana, che i valori fondamentali sono,principalmente, il profitto e il consumismo spinto.
    E,in nome di questi ultimi,ci stanno modellando come “robot” senza cuore ,nè cervello.
    Voglio fare un esempio(ce ne sarebbero a migliaia) che valga per tutti: C’é
    qualcuno, ancora, sulla faccia della terra,
    che chiede l’immediata eliminazione
    delle armi di distruzioni di massa,specie quelle atomiche.in tutti i paesi del mondo,nessuno escluso?E si batta per questo?
    Mi riferisco principalmente ai governanti degli Stati,e alle opinioni pubbliche mondiali:eppure ,basterebbe un solo secondo di un folle, per distruggere l’intera umanità e il nostro pianeta.

    Quando si sono costruite le centrali atomiche,in tutto il mondo, si è pensato ,anche per un solo attimo,che in caso di una evenienza catastrofica,non so ,una guerra, un terremoto od altro l’intera umanità fosse stata in pericolo?Macchè?
    In nome di quei pseudo-valori,di cui mi riferivo prima,si è o si sta modellando una società dove l’individuo,la persona diventa solo parte di un ingranaggio che ti porta solo a consumare,di tutto e di più,e senza fare troppe domande,e a fare profitti,n qualsiasi modo basta che si fanno.
    Chi se ne fotte dell’ambiente,della natura che Dio ci ha donato,della distruzone della foresta dell’Amazzonia, del buco dell’ozono dovute all’emissioni di gas:l’imperativo è produrre e consumare tutto:macchine ,telefonini(che molti scienziati ritengono che hanno effetti nocivi all’uomo a lungo termine,etc,etc,etc,.

    Ritornando alla prima parte del discorso circa la “variante” del fatto di
    MITRIDATE:lui era cosciente ,consapevole di quello che faceva;noi cittadini di questo mondo ci avveleniamo tutti i giorni con l’ossessiva e narcotizzante publicità,sui giornali, in TV,per le strade,dovunque; ci avveleniamo con i gas delle macchine, con gli O.G.M.,con i prodotti commestibili alterati da sostanze nocive ,come antibiotici,coloranti, conservanti, etc.etc.;e tantissime altre cose che non sto qui ad indicarle(sarei troppo prolisso); la differenza è che MITRIDATE era consapevole,noi tutti ,invece, lo facciamo non scientemente e in maniera acritica e automatica.

    Non voglio tediare oltre,perchè sarebbero tantissime le cose da dire,e, su un blog, non si puo fare.
    Grazie

  2. Caro geppino,
    ti dovrei “sgridare” per aver fatto un commento troppo lungo ma è un argomento molto interessante…
    C’è solo un dubbio che mi tormenta: siamo più o meno d’accordo su tutto o meglio contro tutto (consumismo, centrali atomiche etc) ma ahimè ci troviamo su schieramenti politici diametralmente opposti. Nel senso che io penso di Berlusconi quello che tu pensi di Zapatero e non vorrei tenere il nostro cavaliere neanche per 30 secondi.
    allora mi chiedo: chi si sta confondendo di noi due?
    Mi piace pensare che sei tu quello che ha sbagliato schieramento 😉

  3. Caro p.c.

    Non è vero che siamo su opposti schieramenti.IO ho criticato Zapatero per alcune scelte in campo etico,che ,per,me ,sono molto ma molto importanti(il consenso alle coppie di fa tto,il matrimonio omosex e altro che ho gia spiegato),e Berlusconi non l’avrebbe mai fatto:ecco perchè ho detto che non scambierei questo con quello:ho specificato”neanche per pochi secondi”,ma non mi volevo riferire,logicamente ad un fatto temporale,è um modo di dire rafforzativo ,figurato.

    Ora, se mi posso permettere,ti parlo un po di me politicamente.

    Da giovane mi è sempre piaciuta la politica,ma mai impegnandomi,in prima persona,perchè dovevo lavorare.

    Non ho mai avuto un riferimento partitico ben preciso:ho molte volte votato D.C.,ma tante volte pure Rifondazione Com. ,e Partito COMUNIsta:
    mai gli altri partiti.
    Ho votato Berlusca nel 94 e nel 2006,perchè essendo lui stato un grande imprenditore,poteva dare quella svolta economica che il paese richiedeva.
    Apprezzo tantissimo Prodi,peccato che non ha potuto esprimersi meglio.
    E poi apprezzo tantissimo i partiti si sinistra che si battono per i lavoratori,l’ambiente,la giustizia sociale.
    Berlusconi,anche se l’ho votato,debbo dire ,pero, che mi sta deludendo moltissimo:non penso che lo voterò più.
    In ultima analisi potrei definirmi di orientamento di centro-sinistra,ma ,per carattere, non mi piace darmi una etichetta.
    La dove trionfa la giustizia sociale,la difesa dei lavoratori, la difesa di alcuni valori che,per me, sono importantissimi: il diritto alla vita dal concepimento alla morte,no all’aborto,al divorzio facile,alle coppie difatto.
    Insomma là dove vedo che una cosa è buona e giusta,io ci sto:non ho una concezione materialista della vita,penso che siamo creature di Dio,ed è a Lui che rivolgo il mio sguardo,anche se, spesso, non ci riesco,purtroppo.

    Peppino,scusami della lungaggine, e arrivederci.

  4. geppì,
    non te la prendere ma mi viene da dire: poche idee ma ben confuse!
    Niente di personale 🙂

  5. Una volta tanto sono d’accordo quasi su tutto con p.c., vedi p.c. per mia abitudine cerco di capire le cose cercando di entrare nelle cose e non giudicandole dall’esterno o meglio dall’apparenza, questra pratica non è poi tanto seguita da noi. Geppino fà un bel pò di confusione perchè è troppo condizionato dalla chiesa, a mio avviso la chiesa gli ha rubato la coscienza, da qui i suoi condizionamenti, infatti in passato votava DC perchè, credo, attratto e condizionato dalla croce, lo stesso fà ora con Berluschi e non s’accorge che questi se ne sbatte di quei valori che Geppino sempre sostiene, posizione questa sostenuta dal Berluschi solo per acchiapparsi migliaia di voti , in effetti siamo sempre sullo stesso piano il giochetto prima si faceva usando la croce ora invece le chiacchiere del Cavaliere & Co., per questi motivi l’Italia non và mai avanti e forse per questo faremo la fine della rana-

  6. Non sapevo della morale della ranocchia, perchè non avevo ancora guardato le diapositive, l’altra sera Marina ne ha parlato portandola come esempio durante una riunione, ora mi sono documentato è vorrei chiedere a Marina “secondo te noi procidani a che punto della cottura siamo, siamo già cotti o forse siamo ancora in tempo a fare il salto?”

  7. Caro Franco, siamo stati cotti a fuoco lento! Però c’è ancora chi da mesi lancia l’allarme e cerca di spegnere il fuoco.
    Speriamo di essere ancora in tempo per aggiungere acqua fredda, ossia voglia di legalità e cambiamento.
    Un saluto.

  8. questa ranocchia mi ha fatto venir voglia di segnalarvi ” lanapolichevogliAmo” ecco cosa scrive in proposito l’organizer roberto fico:

    Questa notte allo spettacolo di Beppe Grillo è partito ufficialmente il progetto della Napoli che Vogliamo (comuni a 5 stelle). Andate tutti, ma proprio tutti, a visitare il nuovissimo sito http://www.lanapolichevogliamo.it contenitore aperto a tutta la città, a tutti noi la voglia e la forza di scrivere la nuova storia di Napoli, a tutti noi napoletani.

    Domenica 7 dicembre alle ore 18:00 al teatro Paradiso presso la Cappella Cangiani in via Mariano Semmola, 19 ci sarà la prima riunione Serve l’aiuto, la semplicità e le idee di tutti ma proprio tutti.

    Avanti tutta, ma proprio tutta!

    Roberto
    …e io che sono meta’ procidana e meta’ napoletana quando potro’ dare il mio aiuto e le mie idee al progetto <>?

  9. caro peppino, il mio post e’ partito inavvertitamente senza che riuscissi a rileggerlo\completarlo : nella parentesi manca >
    grazie, ciao

  10. L’episodio delle scarpe che il giornalista ha lanciato contro Bush (peccato che l’amico Bush non è stato beccato) e i movimenti che questi ha fatto per evitare di essere colpito, oltre a farmi ridere molto, mi ha fatto riflettere sulla faccenda della rana e convincermi che l’uomo non può essere paragonato alla rana, infatti anche quando sembra proprio cotto allora trova la forza di reaggire come ha fatto il giornalista con Bush. L’episodio nel suo assieme mi ha fatto pensare alle ribellioni che soventi avvengono ai nostri tempi ma più ancora a quella storica, “La rivoluzione francese”, queste riflessioni mi hanno alquanto confortato è fatto capire che a differenza della rana l’uomo non ha un punto di cottura-

  11. Caro Franco, il tuo ragionamento fila ma solo per una ristretta cerchia di persone e, tu sai meglio di me che, una noce nel sacco non fa rumore.
    Forse c’è ancora qualcuno che non ha fatto la fine della rana ma la stragrande maggioranza nuota tranquillamente nell’acqua che diventa sempre più calda…. Capisci a mmme!! Con affetto. Marina

  12. caro franco,
    l’episodio della scarpa mi aveva consolato ma non sapevo bene perchè.
    il tuo scritto mi ha fatto metter a fuoco le ragioni di questo sentimento. grazie

  13. Passare da un lancio di scarpe alla rivoluzione francese
    richiede un bel lancio….. di fantasia….

  14. Marina il tuo commento mi aveva lasciato un pò in forse, possibile che esistono solo poche persone che non sono come le ranocchie? mi chiedevo. Subito dopo leggendo Geppino ho capito che avevi pienamente ragione, infatti penso che la ranocchia non ha fantasia, quindi ho subito afferrato che Geppino è una delle tante ranocchie che nuotano felici e contenti nell’acqua calda-

  15. La rancchia è un bell’argomento, mi piace, ma perchè non ne parliamo ancora un pò?

  16. Franco,

    come ti ho dimostrato dal mio primo articolo non sono quello che tu pensi(una ranocchia felice),anzi.

    Però noto che di quelle non già cotte, ne sono pochissime:non facciamo gli ipocriti,però, la quasi totalità è indifferente e pensa ai cavoli propri,se ne fotte altamente di quelle che non ci vogliono stare e cercano di ribellarsi,purtroppo.
    Diciamo la verità, tutti o quasi tutti vorrebbero battersi per un mondo migliore,ma si trova piu facile coltivare”il proprio orticello”:si dovrebbe fare un cambio di mentalità epocale.
    Logicamente è un discorso generale che faccio:per quanto mi riguarda cerco(senza quasi mai riuscirci,per miei troppo limiti e deficienze) di buttare lo sguardo anche “all’altro”,ma mi sento molto scoraggiato e solo.

  17. Geppino forse questa volta ti dò ragione, poco fà per TV ho visto quello che stà succedendo a Napoli nel mondo politico e veramente mi sento bollito, a quanto pare le ideologie sia di destra che di sinistra vanno a braccetto e le povere ranocchie che fanno? Aspettano che vengono mangiate bollite, però a quanto pare ora vogliono chiuderci l’acqua così saranno servite fritte o arrostite, sai le ranocchie fatte a questo modo sono più saporite. Ti saluto-

  18. Pian piano ci stiamo incanalando nel clima elettorale che culminerà in un cambiamento o meno amministrativo, momento questo tanto atteso da tanti che fino a qualche tempo facevano sentire la loro voce (a volta anche molto incazzata), su forum e blog con critiche, proposte e pianificazioni da contrapporre alla maggioranza amministrativa costituita, pare però che più c’inoltriamo in questo clima e più queste voci zittiscono, infatti sia forum che blog divengono sempre più deserti. Finora abbiamo solo ascoltato pochissime voci con proposte di cambiamento e cose varie, però molto ben condite, a mio avviso, di estremismo o … forse … di convenienza …
    Sarà forse che il più del tempo lo si sta perdendo discutendo sul METODO da usare per curare la malattia … che pare essere inesistente? O che ha ragione Marina quando afferma che la stragrande maggioranza di noi è ormai bella e cotta??? … come tante ranocchie …

  19. calma ragazzi, alle prossime elezioni ci sarò io come candidato sindaco,vi porterò fuori dalla paura……..ciao gigi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...