A Procida torna Il vento del cinema

Il vento del cinema torna ad animare l’incantevole isola di Procida nelle inconsuete date del 6 e 7 dicembre 2008 con un primo appuntamento sul tema L’INCOMPIUTO CINEMA proposto dal direttore artistico Enrico Ghezzi. Dal mattino alla sera si susseguiranno, come di consueto, incontri, dibattiti e proiezioni nelle sale del Cinema Procida Hall (Via Roma, 84, Marina Grande).

Il regista e sceneggiatore iraniano Amir Naderi sarà per la prima volta ospite del Festival. Oltre a dialogare sul tema dell’edizione, che si intreccia fortemente con la natura inquieta e errante del suo cinema, presenterà il recentissimo Vegas: Based on a True Story (2008), in concorso alla 65ª Mostra del Cinema di Venezia, e alcune opere realizzate in passato in Iran e più recentemente a New York, dove attualmente vive e lavora.

Il regista e produttore Jacques Grandclaude sarà inoltre presente per una sorprendente immersione nel processo creativo di Roberto Rossellini che si rivela figura completa di umanista. Grandclaude mostrerà l’ultimo film del grande regista Le Centre Georges Pompidou da lui prodotto insieme a molti materiali inediti (selezionati da più di 20 ore) realizzati sul set e nel corso del suo ultimo anno di vita. Emerge una riflessione originale sul tema dell’impegno sociale ed economico del cinema con considerazioni visionarie sull’avvenire del cinema e della televisione.

L’antropologo Marino Niola presenterà il prezioso volume da lui curato Lévi-Strauss. Fuori di sé (edizioni Quodlibet, pag. 160, in uscita a fine novembre): una preziosa raccolta di saggi e articoli in cui alcune tra le principali voci della cultura del Novecento incontrano l’opera del grande antropologo francese che compie cent’anni il 28 novembre. Per l’occasione Niola commenterà alcune rare interviste filmate realizzate da Paolo Caruso per la Rai nel 1977.

Arricchirà il programma un evento dedicato alla grandiosa saga cinematografica I bambini di Golzow iniziata nel 1961 quando i due documentaristi della Germania Est Barbara e Winfried Junge hanno cominciato a filmare una classe di scuola elementare nel 1961 nel piccolo villaggio di Golzow nell’allora Germania est. Le vicende dei bambini sono seguite per più di quarant’anni dalla cinepresa paziente che disvela uno sguardo profondo sulle loro vite seguendo tutti i cambiamenti culturali e psicologici che hanno caratterizzato la Germania a cavallo della caduta del muro. La saga è terminata quest’anno quando l’ultimo capitolo …dann sie leben sie noch heute (e vissero felici e contenti) è stato presentato in anteprima mondiale al Festival di Berlino. A Procida si vedranno i primi cortometraggi del 1961 e il capitolo conclusivo come primo appuntamento di un evento che nel 2009 vedrà la presentazione integrale della saga (che dura più di quaranta ore) sia a Procida che nel corso della programmazione di Fuori Orario (Rai Tre).

Altri registi e filosofi saranno presenti alla manifestazione con interventi e proiezioni annunciati in un programma dettagliato che sarà diffuso il 21 novembre.

2 pensieri su “A Procida torna Il vento del cinema

  1. Evviva! Sono felice di questo rientro inaspettato e tutti gli amici della rassegna sono stati avvisati.

  2. Nei giorni passati ho visto un film su rai uno intitolato ”le ali”.Parlava di un militare taliano ferito a Mogadiscio eletto deputato del pdl.La storia era commovente il povero militare taliano distribuiva pane e acqua ai somali ed in particolare a un bambino negro armato fino ai denti ecc ecc.Per non farla lunga i somali invece di essere riconoscenti ai taliani li attaccano e in una di
    queste imboscate il militare taliano viene ferito gravemente e finisce su una sedia a rotelle. Il regista del film pero ha dimenticato qualcosa.I militari taliani in Somalia furono accusati di violenze nei confronti della popolazione somala, si passava dalla tortura alla violenza carnale.Accuse documentate
    pure fotograficamente .Chi ha denunciato i militari taliani di avere fatto quelle schifezze ha passato molti guai mentre non sappiamo cosa sia poi successo ai sospettati di questi reati.Chissa magari on. Paglia potra prodigarsi per fare luce su quanto accaduto visto che adesso siede pure
    nel parlamento taliano.
    TENGO O CORE TALIANO
    Laurent Beaumont

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...