Ancora sulla vendita del porto

Ho ricevuto dal coordinamento cittadinanza attiva questo volantino a proposito della vendita del porto:

VENDITA DEL PORTO: NO GRAZIE

Questa amministrazione prosegue inesorabile sulla strada dello sfascio e della dismissione delle risorse dell’isola.

Dopo lo sfacelo del territorio, le bollette dell’acqua gonfiate, i costi e disservizi della raccolta e smaltimento rifiuti, ora è la volta del mare. A partire dal porto turistico di Marina Grande.
Qual è l’idea geniale degli strateghi dello sperpero:
Venderlo per ripianare il bilancio comunale da loro stessi condotto al fallimento.
Nel 2004 celebrarono la ripresa dei lavori al Porto turistico come l’inizio di una nuova era di prosperità e progresso per l’isola e il 24 luglio2008, tra squilli di tromba, tagli di nastri e di torte, davanti a pochi intimi lo inaugurano.
Neppure un mese dopo il 4 settembre 2008 deliberano la vendita della quota comunale del 49% (il 51% è controllato dalla Regione ), con la scusa della finanziaria 2007 che dà agli Enti pubblici 18 mesi di tempo (a decorrere dal 1 gennaio 2008) per uscire dalle società che perseguono fini non istituzionali. Se ciò avvenisse il comune di Procida rinuncerebbe al controllo del suo Porto.
Ora è palesemente pretestuoso sostenere che in un isola la gestione di un porto ( turistico o commerciale che sia) non rientri tra i compiti istituzionali dell’ente comunale, tanto è vero che Capri e i comuni ischitani si guardano bene dal rinunciare al controllo dei propri porti.

Vogliamo continuare nella logica dello sperpero di risorse?
Ricordiamo soltanto alcune delle imprese dei nostri gloriosi Amministratori dei cui esiti disastrosi ancora paghiamo il conto:
Cassonetti interrati, Sepa, Parco Letterario, Ripascimento spiagge, Recupero Sentieri.

Questa vendita ci appare ingiustificata, precipitosa, poco trasparente e anticipatrice di futuri disastri finanziari ed economici.
Il Porto, risorsa fondamentale dell’isola, deve rientrare sotto il controllo dell’Ente comunale. E’ un investimento costato solo nell’ultima fase diversi milioni di euro di pubblico denaro e vorremmo conoscere i risultati di questo investimento:
Quanto vale oggi il Porto Turistico in termini di redditività, prospettive occupazionali, valori patrimoniali?
Per rispondere alle esigenze di trasparenza dei cittadini di Procida sul Porto e
per opporci alla sua vendita indiremo nei prossimi giorni alla Marina Grande una Pubblica Assemblea.

Coordinamento Cittadinanza Attiva Isola di Procida

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...